MEG: milioni cinesi per lo shark-movie della Warner Bros

Dopo venti anni passati nell’inferno del Development Hell, MEG è ormai realtà.

Rimbalzato continuamente da una casa di produzione all’altra, diversi registi tra cui Jan De Bont quando i diritti erano in mano alla New LineGuillermo Del Toro nel momento Disney, fino al recente Eli Roth, assunti e subito fatti fuori fino all’arrivo dall’attuale proprietaria Warner che ha deciso di affidare la regia a John Turteltaub e assoldare come protagonista Jason Statham. Ma cosa ha convinto la Warner a puntare sul piatto la bellezza di 150 milioni di dollari per uno shark-movie?


Del romanzo originale di Steve Alten, datato 1997, sembra sia rimasto ben poco. Ai più la cosa potrebbe comunque non dispiacere tenuto conto del poco successo commerciale ottenuto dall’ opera fuori dai propri confini nazionali. La trama del romanzo vedeva protagonista il Professor Jonas Taylor, sfortunato ex pilota della Marina Militare americana ora paleontologo che è da tempo convinto della sopravvivenza del Megalodon, uno gigantesco squalo preistorico estintosi milioni di anni fa. Il nostro forse ha già incontrato la bestia in una sfortunata spedizione anni prima, il cui drammatico epilogo gli costò la carriera con conseguente deterioramento del matrimonio con la moglie giornalista arrivista. Quando il Megalodon riaffiora dalle profondità oceaniche portando caos e distruzione, il suo vecchio amico e ricco oceanografico giapponese Masao Tanaka gli chiederà di guidare la caccia allo squalo la quale presenza innaturale potrebbe sconvolgere l’attuale habitat marino portando a conseguenze catastrofiche.

Nel film, un sommergibile, parte di un programma internazionale di osservazione sottomarina, viene attaccato da una creatura enorme, che si pensava in precedenza fosse estinta, e si trova ora disabilitato sul fondo dell’Oceano Pacifico con il suo equipaggio intrappolato all’interno. Con il tempo che si esaurisce, l’esperto subacqueo Jonas Taylor (Jason Statham) viene reclutato da un visionario oceanografo cinese, contro la volontà della figlia Suyin (Li Bingbing), per salvare l’equipaggio da questa minaccia inarrestabile: uno squalo preistorico lungo 25 metri noto come Megalodon. Quello che nessuno avrebbe potuto immaginare è che, anni prima, Taylor aveva incontrato questa stessa creatura terrificante. Ora, in coppia con Suyin, deve confrontarsi con le sue paure e rischiare la propria vita per salvare le persone intrappolati nel sottomarino… portandosi faccia a faccia ancora una volta con il più grande predatore di tutti i tempi.

I giapponesi, eroici e benevoli co-protagonisti del romanzo, si trasformano in cinesi, eroi e benevoli co-protagonisti nel film. Il perchè è presto detto: la Warner ha stipulato nel 2015 un’importante e multimilionario accordo di co-produzione con il colosso cinese China Media Capital che di fatto ha dato la nascita ad una nuova società, Flagship Entertainment Group, con sede ad Hong Kong e uffici a Pechino e Los Angeles e che sarà controllata per il 51% da Cmc e per il restante dalla Warner che possiede, tra l’altro, anche gli storici studi di Hollywood, un brand che i cinesi sfrutteranno con forza in casa. La neonata casa di produzione oltre a produrre film in lingua cinese per il mercato mondiale sarà anche co-produttrice di 12 pellicole già concordate con Warner Bros. Tra queste c’è appunto Meg, sbloccato proprio grazie all’entrata dei capitali cinesi.

Il film sarà distribuito in Cina da Gravity Pictures durante il capodanno cinese del 2018, e in tutto il resto del mondo dalla Warner Bros. Pictures a partire dal il 2 marzo 2018.

La sceneggiatura, basata sul romanzo di Steve Alten, è opera di James Vanderbilt, autore della sceneggiatura di Zodiac di David Fincher ma anche dei due Amazing Spider-Man e di Independence Day: Regeneration. Oltre a Statham, il cast include Li Bingbing, Winston Chao, Cliff Curtis, Rainn Wilson e Ruby RoseLorenzo di Bonaventura (Transformers), Belle Avery (Onora il padre e la madre) e Colin Wilson (Avatar) producono il film, con Wayne Wei Jiang, Randy Greenberg, Barrie M. Osborne e Gerald R . Molen come produttori esecutivi. Oltre alla Nuova Zelanda, le riprese di Meg si svolgeranno anche in Cina. Dirige John Turteltaub.

Altri articoli: